Centro Clinico

La proposta di un lavoro terapeutico nasce in seno alle sedute di accoglimento, nell’ambito delle quali si concorda un lavoro “su
misura” per il paziente, la sua famiglia e il contesto di appartenenza

Ci prendiamo cura di famiglie, adolescenti e giovani adulti che si trovano in difficoltà nell’affrontare i propri compiti evolutivi e nell’attraversare i cambiamenti, introdotti dallo sviluppo, che si intrecciano con le esperienze di vita (attuali e pregresse).
Gli interventi che siamo in grado di svolgere, differenti per tipologia e intensità di frequenza, seguono d’elezione l’approccio centrato sul processo di soggettivazione che tiene conto delle risorse emotive del paziente e dello stato di avanzamento della relazione terapeutica, per sintonizzarsi su nuovi bisogni
e rimodulare il progetto terapeutico in corso d’opera; tale approccio è orientato a favorire l’aumento dell’autostima, la capacità di auto-riflessione e di emancipazione dell’adolescente e la sua capacità di relazionarsi col mondo esterno.

Attività per adolescenti e giovani adulti

  • PSICOTERAPIA INDIVIDUALE: la creazione di uno spazio intimo e privato, necessario per chi ha bisogno di un ascolto esclusivo, può richiedere anche più sedute settimanali che saranno costruite e con-cordate all’interno del rapporto fra terapeuta e paziente.

 

  • GRUPPO TERAPEUTICO: è composto da ragazzi e ragazze di diverse fasce di età ed è in co-conduzione di due terapeuti. Il gruppo è uno strumento molto utile, anche come trattamento iniziale, per adolescenti inibiti o con difficoltà di socializzazione. Possono essere proposte anche in parallelo delle terapie individuali.

Attività per le famiglie

  • PSICOTERAPIA PER GENITORI, INDIVIDUALI O IN COPPIA: uno spazio terapeutico ad hoc per i genitori, in parallelo alla terapia dei figli, pensato per accrescere la capacità di lettura dei bisogni emotivi dei figli e di sviluppare nuove risorse affettive e relazionali. In caso di genitori separati, in difficoltà nello svolgere le sedute insieme, possono essere predisposti dei setting individuali.

 

  • “PSICOTERAPIA “SENZA IL PAZIENTE: si propone come aiuto a quelle coppie genitoriali che, pur desiderando aiutare i propri figli, non riescono a dialogare con essi nemmeno nella proposta di un aiuto psicologico. Si tratta di famiglie in “stallo” maturativo, spesso bloccate nelle relazioni affettive sia all’interno della coppia genitoriale che nella relazione con i figli.

 

  • CONSULTAZIONI FAMILIARI CONGIUNTE: incontri tra adolescenti e genitori sono spesso molto utili anche nel corso delle psicoterapie individuali e sono proposte dal terapeuta per migliorare la comunicazione in momenti particolari del processo terapeutico.

 

  • CONSULTAZIONI TERAPEUTICHE INTEGRATE TRA FAMIGLIA, PAZIENTI E CURANTI ISTITUZIONALI per coadiuvare la comunicazione intra-sistemica del sistema terapeutico allargato e mantenere una rete stabile e funzionante tra i curanti interistituzionali.

Bibliografia

• Compagno adulto. Nuove forme dell’alleanza terapeutica con l’adolescente. A cura di S. Cordiale e G. Montinari, Milano, FrancoAngeli, 2012.
• Rifornimento in volo.Il lavoro psicologico con gli Adolescenti. A cura di Giovanna Montinari, Milano Franco Angeli, 2006
• Psichiatria Psicoanalitica dell’adolescanza A. Novelletto. – Borla 1991
• ” Luoghi istituzionali e adolescenza” a cura di Monniello G. – Borla, 2005.
• ” La psicoanalisi senza il paziente”. Adolescenza e Psicoanalisi. Carbone P. – anno IV, n.2-2009.

RESPONSABILE ATTIVITA’ CLINICHE

CRISTIANO CURTO

 

RESPONSABILE PSICOTERAPIE

GIOVANNA MONTINARI